Navigation

Cina: Congresso Usa vuole distruzione Hong Kong

Secondo il ministro degli Esteri cinese Wang Yi (foto), il Congresso americano, col via libera al provvedimento a sostegno degli attivisti di Hong Kong, "manda il segnale sbagliato di connivenza coi criminali violenti". KEYSTONE/ALESSANDRO DELLA VALLE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 novembre 2019 - 16:58
(Keystone-ATS)

Il Congresso Usa, col via libera all'Hong Kong Human Rights and Democracy Act, il provvedimento a sostegno degli attivisti dell'ex colonia britannica, "manda il segnale sbagliato di connivenza coi criminali violenti". Lo dice il ministro degli Esteri cinese Wang Yi.

Secondo Wang la "sua essenza è di confondere e addirittura di distruggere Hong Kong. Questa è un'interferenza manifesta negli affari interni della Cina e un grave disservizio a comuni e fondamentali interessi di un ampio numero di compatrioti di Hong Kong".

Wang ha espresso le sue critiche durante un incontro con l'ex segretario alla Difesa americano William Cohen, ribadendo che la normativa costituisce un atto di interferenza negli affari interni della Cina.

"Come possiamo parlare di democrazia? Come possiamo parlare di diritti diritti umani quando ignoriamo i danni causati da azioni violente e illegali? La Cina si oppone fermamente a tutto questo non permetteremo mai ad alcun tentativo di minare la prosperità e la stabilità di Hong Kong, e di minacciare il sistema 'un Paese, due sistemi'", ha concluso Wang.

Il provvedimento mandato alla firma del presidente americano Donald Trump prevede l'approvazione di sanzioni a carico dei funzionari, di Hong Kong o cinesi, ritenuti colpevoli di abusi sui diritti e richiede la revisione annuale del riconoscimento dello status di partner speciale della città nei rapporti con gli Usa.

Altre norme, invece, proibiscono l'export a favore della polizia locale di munizioni non letali o di altri sistemi antisommossa, tra lacrimogeni, spray al peperoncino, proiettili di gomma e taser.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.