Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una foto della camera ardente

KEYSTONE/AP HOGP/MARK SCHIEFELBEIN

(sda-ats)

Le autorità cinesi hanno reso noto che il corpo del dissidente e premio Nobel per la Pace 2010 Liu Xiaobo è stato cremato.

Al funerale tenuto questa mattina nella città di Shenyang, la stessa dove l'intellettuale si è spento a causa di un cancro al fegato, hanno partecipato la sua famiglia, tra cui la moglie Liu Xia e i fratelli, e alcuni amici.

In un video diffuso dal governo locale si vedono Liu Xia, provata e sorretta da altre persone, in quella che è la prima apparizione dalla morte del dissidente, avvenuta giovedì all'età di 61 anni.

Tra il video e le foto diffuse dal governo locale di Shenyang sul funerale, si possono tra l'altro notare la bara col corpo di Liu Xiaobo, sistemata nella camera ardente, e diverse persone sfilare in un ultimo saluto.

Tra i familiari, oltre alla moglie Liu Xia, vestita di nero e con occhiali e lenti scure, si possono riconoscere Liu Xiaoxuan e Liu Xiaoguang, rispettivamente fratelli più giovane e più grande del premio Nobel, e Liu Hui, fratello minore di Liu Xia.

Nella conferenza stampa tenuta dalle autorità locali, è stato sottolineato il "legittimo diritto" in capo alla vedova di lasciare la Cina. Allo stato, la sua partenza, richiesta ad esempio dal segretario di Stato Usa Rex Tillerson, è un'ipotesi incerta.

Liu Xia, poetessa, è agli arresti domiciliari senza processo da quando a Liu Xiaobo fu assegnato il premio Nobel per la Pace 2010 "per la sua lunga e non violenta battaglia per i diritti umani fondamentali in Cina".

Il dissidente stava scontando una pena a 11 anni di reclusione inflittagli a dicembre 2009 per "incitamento alla sovversione dei poteri dello Stato" a causa del ruolo avuto nella stesura di "Carta 08", il manifesto che chiedeva una svolta democratica e la fine dell'era del Partito comunista.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS