Navigation

Cina, crolla hotel usato per quarantena, 70 persone intrappolate

La Cina deve far fronte a un altro incidente. KEYSTONE/EPA/JEON HEON-KYUN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 07 marzo 2020 - 19:52
(Keystone-ATS)

Il crollo improvviso di un hotel usato per la quarantena con decine di persone intrappolate sotto le macerie ha rovinato un'altra serie di notizie positive per la Cina sul fronte della lotta al coronavirus.

La struttura della città di Quanzhou, nel Fujian, convertita per osservare il periodo di isolamento post guarigione, è collassata nella serata locale. In piena notte sono stati mobilitati più di mille pompieri in una lotta disperata contro il tempo, quando il bollettino si è fermato a 38 persone salvate e trasferite in ospedale su una settantina che erano rimaste intrappolate.

La giornata, invece, si era aperta con il numero di nuovi contagi sceso a doppia cifra per la prima volta dal 21 gennaio, giorno di inizio dei conteggi. La Commissione sanitaria nazionale ha annunciato 99 infezioni aggiuntive, incluse 74 nell'Hubei (prima volta sotto quota 100 dal 23 gennaio), e 28 nuovi decessi, che hanno spinto il totale a 3.070. I nuovi casi includono anche 24 infezioni importate: 17 nel Gansu, 3 a Pechino, tre a Shanghai e uno nel Guangdong.

Contagi di ritorno

Un trend temuto che si unisce alla sfida di Pechino per far ritornare i lavoratori migranti alle loro basi operative per l'inizio di aprile. Allo stato circa 78 milioni di loro, pari al 60% di quelli che partirono a gennaio per il Capodanno lunare, sono tornati sul luogo di lavoro. Yang Wenzhuang, della Commissione sanitaria nazionale, ha spiegato che "il rischio di contagio aumenta con l'incremento dei flussi di circolazione della popolazione. Non dobbiamo allentare i controlli".

I contagi al Covid-19 sono saliti a 80.651, con le guarigioni aumentate a 55.404, sfiorando ormai il 70%. A Wuhan, città focolaio dell'epidemia e capoluogo dell'Hubei, è stata disposta la chiusura del Fangcang, il più grande dei tre ospedali d'emergenza costruiti nel picco della crisi: 25 pazienti sono stati dimessi e altri 59 sono stati portati al Leishenshan, uno dei due designati per il trattamento del Covid-19.

A completare la serie positiva, il Global Times ha dato conto della guarigione del paziente più giovane: un neonato trovato positivo al quinto giorno di vita e dimesso sabato nell'Henan.

Virus pesa su economia

Sul fronte dell'economia, invece, l'epidemia comincia a presentare il conto. La Cina ha registrato un deficit commerciale di 7,09 miliardi di dollari a gennaio-febbraio, mancando le attese di un surplus di 24,6 miliardi. Oltre all'export, sceso del 17,2% annuo, l'import si è fermato a -4%, con la soia in controtendenza e in salita del 14,2% grazie ai maggiori acquisti dagli Usa in scia alla tregua nella guerra commerciale.

I Paesi dell'Asean (Filippine, Singapore, Brunei, Cambogia, Laos, Indonesia, Malaysia, Myanmar, Thailandia e Vietnam) hanno superato l'Ue e sono diventati i primi partner commerciali di Pechino, a conferma della nuova attenzione cinese verso l'area dopo le tensioni con gli Usa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.