Navigation

Cina: dissidente Chen Guangcheng arrivato a New York

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 maggio 2012 - 09:25
(Keystone-ATS)

Chen Guangcheng, il dissidente cinese cieco al centro di tensioni diplomatiche tra Pechino e Washington, è arrivato negli Stati Uniti assieme alla moglie e ai loro due figli.

Partito ieri da Pechino a bordo di una aereo di linea Usa, Chen è giunto all'aereoporto internazionale Liberty di Newark, alle porte di New York.

In America Chen giunge con un visto per studio, a conclusione di una vicenda che ha rischiato di provocare una grave crisi diplomatica tra Stati Uniti e Cina quando Chen, eludendo la sorveglianza degli agenti nel suo villaggio di Dongshigu, nella provincia nord-orientale dello Shangdong, era scappato lo scorso 22 aprile dagli arresti, rifugiandosi, grazie all'aiuto di alcuni attivisti, nell'ambasciata americana di Pechino.

Alcuni giorni fa nè è uscito, ed è stato ricoverato in un ospedale e le tensioni si sono rinnovate, fino a ieri, quando improvvisamente si è appreso che era partito con la famiglia per gli Stati Uniti. Notizia che la Casa Bianca ha salutato con soddisfazione. Negli Stati Uniti Chen studierà all'università di New York, ha fatto sapere il direttore della facoltà di legge Asia-Usa dell'ateneo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?