Navigation

Cina: dopo sciopero, aumentate tariffe taxi

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 agosto 2011 - 10:34
(Keystone-ATS)

La ricca provincia cinese dello Zhejiang ha ordinato alle amministrazioni locali di aumentare le tariffe dei taxi, dopo una serie di scioperi degli autisti iniziati nella capitale, Hangzhou, all'inizio di agosto.

Le tariffe, afferma l' ufficio provinciale per i prezzi in un comunicato, devono essere aggiustate sulla base dei cambiamenti nel prezzo del carburante. Le proteste dei taxisti hanno messo in evidenza le crescenti difficoltà di larga parte della popolazione cinese di fronte al crescente costo della vita.

La crescita su base annua dell'inflazione ha toccato ufficialmente il 6,5% in luglio - il livello più alto degli ultimi tre anni - ma i prezzi di alcuni beni di prima necessità hanno subito aumenti due o tre volte superiori.

Molti dei taxisti che lavorano nello Zhejiang sono immigrati da zone più povere della Cina, la categoria più gravemente colpita dall' aumento dei prezzi e dal rallentamento delle esportazioni cinesi dovuto a sua volta alla debolezza della domanda sui mercati occidentali. Uno sciopero degli autisti di tre giorni verificatosi ad Hangzhou all'inizio di agosto è stato seguito da analoghe proteste in altre città della ricca provincia costiera.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.