Navigation

Cina: frane e inondazioni, 127 morti, migliaia dispersi

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 agosto 2010 - 12:23
(Keystone-ATS)

SHANGHAI - Sono 127 per ora i morti e duemila i dispersi delle frane provocate dalle forti piogge nel nord ovest della Cina. Il primo ministro cinese Wen Jiabao è arrivato sul luogo del disastro nel nord ovest della Cina per coordinare l'opera di soccorso.
Sia il premier che il presidente Hu Jintao hanno ordinato che le operazioni di soccorso si rivolgano a tutti e nel modo più veloce, assicurando la messa in sicurezza delle persone e delle infrastrutture, procedendo alla rapida ricostruzione e assicurando in queste ore un riparo a tutti.
Oltre 28.000 soccorritori sono stati mobilitati, provenienti principalmente dalle fila dell'esercito cinese. L'acqua del fiume Bailong è esondata sommergendo la contea di Zhouqu, strade e case, rendendo impossibili le operazioni di soccorso. Distrutta anche una piccola centrale idroelettrica.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.