Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

PECHINO - La marea nera che ha toccato le coste della Cina nord-orientale è 60 volte più estesa e grave di quanto ha annunciato il governo ed è tra i peggiori disastri del genere della storia, denuncia Greenpeace.
Secondo l'organizzazione ecologista, sono tra 60mila e 90mila le tonnellate di greggio che si sono riversate in mare dopo l'esplosione il 16 luglio scorso di due oleodotti nel porto di Dalian, e non una tonnellata e mezza come invece comunicato dal governo.
"È una delle 30 più vaste maree nere nella storia", ha detto Richard Steiner, consigliere di Greenpeace ed esperto dell'Università dell'Alaska, ai giornalisti a Pechino, "se le nostre valutazioni risulteranno corrette, questo episodio risulterà sicuramente più grave della marea nera di Exxon Valdez in Alaska nel 1989".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS