Navigation

Cina: latitante trovato in carcere, faceva la guardia

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 settembre 2011 - 09:18
(Keystone-ATS)

Un cinese accusato di violenze contro la propria compagna e ricercato da dieci anni è stato ritrovato: lavorava come guardia carceraria in una prigione cinese. Lo riferisce Nuova Cina.

Wang Zhijia, 37 anni, si era dato alla fuga dopo esser stato formalmente accusato di aver picchiato la propria moglie con un mattone durante un litigio.

La polizia ha scoperto che era riuscito a farsi assumere, facendosi passare per il fratello, in un carcere nella provincia di Anhui.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?