Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

SHANGHAI - Il maltempo continua a creare disastri, tragedie e disagi in Cina. Le piogge ostacolano i soccorsi nel sud-ovest e - mentre la situazione migliora nel nord-est, al confine con la Corea - nel martoriato Gansu si è smesso di cercare i quasi 350 dispersi considerati ormai tutti morti.
Tra l'altro, come riferisce l'Agenzia Nuova Cina, una strada nella provincia sud occidentale dello Yunnan si è completamente allagata, bloccando in questo modo le squadre di soccorso che proprio attraverso quell'arteria stavano portando cibo e generi di prima necessità alle popolazioni della zona, colpite dalle inondazioni. Le continue piogge rendono inoltre estremamente complicate le ricerche delle 63 persone che risultano ancora disperse.
Il più recente bilancio delle vittime in questa provincia è salito a 29 e, essendo ormai trascorsi alcuni giorni dal momento dell'allarme, secondo i soccorritori sono assai scarse le possibilità di trovare ancora vivo qualcuno dei dispersi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS