Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Quaranta "dimostranti" uighuri sono rimasti uccisi nelle violenze avvenute domenica nella tormentata regione dello Xinjiang, nel nordovest della Cina, a maggioranza musulmana, sulla scia delle forti tensioni interetniche. Lo ha reso noto il sito di informazione di stato Tianshan, precisando che alcuni di loro si sono fatti esplodere.

Negli scontri e nella serie di esplosioni coordinate hanno trovato la morte anche 6 civili, 2 poliziotti e 2 ausiliari di polizia, mentre altri 54 civili sono rimasti feriti

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS