Navigation

Cina: Pechino non userà forza per dispute nel Pacifico

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 giugno 2011 - 12:23
(Keystone-ATS)

La Cina "non farà ricorso alla forza e non minaccerà di usarla" per risolvere la crisi nel mar della Cina meridionale, dove è forte la tensione tra Cina e Vietnam che, come altri Paesi del sudest asiatico, rivendicano la sovranità su alcuni gruppi di isole.

La Cina - ha sottolineato oggi il portavoce cinese Hong Lei in una conferenza stampa a Pechino - "ha sempre sostenuto che le dispute sulla sovranità devono essere risolte pacificamente attraverso amichevoli discussioni...".

Hanoi ha lanciato ieri una serie di manovre navali al largo delle isole Spratili e Paracelse, contese tra i due Paesi, in seguito a incidenti tra navi cinesi e vietnamite che si sono verificati nel tratto di oceano al centro della disputa.

Il portavoce ha aggiunto che la tensione nell'area è provocata da "alcuni Paesi che hanno preso iniziative unilaterali". Oltre che da Cina e Vietnam le Spratili sono rivendicate da Filippine, Brunei, Malaysia e Taiwan, le Paracelse solo da Pechino e da Hanoi. Un'altra disputa, nel mar della Cina orientale, è quella che vede Cina, Giappone e Taiwan rivendicare le isole Diaoyu/Senkaku.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?