Rallenta ad agosto la crescita della produzione industriale cinese così come gli investimenti, segni di un rallentamento dell'economia del Paese del dragone. È quanto emerge dai dati diffusi oggi dall'istituto nazionale di statistica.

La produzione industriale cinese ad agosto è stata registrata in crescita dell'8,9% rispetto allo stesso mese dell'anno scorso,dato in ribasso rispetto al +9,2% di luglio. Quello registrato ad agosto è il dato più basso da maggio 2009.

Lieve rallentamento anche per la crescita degli investimenti in capitali fissi, aumentati del 20,2% rispetto all'anno scorso a 21,8 trilioni di yuan (2,6 trilioni di euro) nel periodo da gennaio ad agosto, lo 0,2% in meno della crescita del periodo gennaio-luglio.

Aumentano le vendite al dettaglio, registrate al 13,2% rispetto all'anno scorso, mentre il dato di luglio era del 13,1%. Secondo gli economisti cinesi, i dati risentono del rallentamento dell'economica mondiale risultata in una diminuzione della domanda esterna e nella esitazione delle autorità nell'inserire nuovi stimoli che possono avere l'effetto di alimentare l'inflazione.

Nel secondo trimestre, a causa degli investimenti immobiliari e del raffreddamento delle esportazioni, la crescita cinese è stata registrata al 7,6%, il dato più basso dal primo trimestre del 2009.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.