Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Scompare anche l'ultimo dei cosiddetti "otto immortali", gli otto dirigenti del partito comunista cinese protagonisti della rivoluzione maoista e della successiva fase di riforme e apertura al mercato:

Wa Li è morto oggi a Pechino all'età di 99 anni. Lo riferiscono i media locali.

Wan è stato il presidente del Congresso nazionale del popolo nel 1989, anno della protesta studentesca pro-democrazia a piazza Tiananmen, repressa con il sangue. Non si è mai opposto apertamente all'intervento dei militari, anche se era alleato di Zhao Ziyang, segretario generale del Partito Comunista Cinese, che aveva preso le difese degli studenti.

È ricordato in particolare per essere stato uno dei protagonisti delle prime riforme avviate in Cina negli anni '70 dopo la morte di Mao, e a lui si deve in particolare la riforma dell'agricoltura. È stato inoltre uno dei primi leader ad andare in pensione, contribuendo a porre fine alla pratica della carica a vita per i politici cinesi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS