Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

SHANGHAI - Sono stati dichiarati tutti morti i 16 minatori intrappolati da lunedì in una miniera della provincia centrale cinese dello Henan. Lo riferisce l'agenzia Nuova Cina.
Alle 2.00 di questa notte i soccorritori hanno recuperato tutti i corpi dei minatori, ha spiegato all'agenzia cinese un portavoce dell'ufficio di sicurezza della città di Dengfeng, dove è avvenuto l'incidente.
Lunedì sera 127 minatori stavano lavorando nella miniera di carbone Sanyuandong a Dengfeng quando è avvenuta una fuga di gas. Centoundici minatori riuscirono a mettersi in salvo, mentre 16 rimasero intrappolati in fondo alla miniera. Le cause dell'incidente sono ancora da chiarire.
La miniera di Sanyuandong ha una produzione annua di 300'000 tonnellate ed è di proprietà della società statale Zhengzhou Coal Industry. Il responsabile della miniera è stato cacciato e il capo degli ingegneri e il suo team sono stati sospesi dall'incarico subito dopo l'incidente.
Intanto circa 30 minatori sono rimasti intrappolati all'interno di una piccola miniera di oro e rame crollata ieri sera nel nord del Cile. I soccorritori sono a lavoro presso il sito di San Esteban, situato a circa 80 km dalla città di Copiapo. Le cause dell'incidente sono ancora ignote. Il Cile è uno dei maggiori produttori al mondo di rame, ma gravi incidenti minerari non sono comuni nel paese sudamericano.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS