Navigation

Cina, Usa violano promesse, danni a relazioni

La presidente di Taiwan Tsai Ing-wen (al cetro) KEYSTONE/AP sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 maggio 2020 - 12:14
(Keystone-ATS)

Le mosse Usa su Taiwan "violano le promesse fatte" e inviano un "segnale sbagliato alle forze separatiste" dell'isola.

Così il ministero degli Esteri cinese sul messaggio di congratulazioni che il segretario di Stato Usa Mike Pompeo ha inviato alla presidente Tsai Ing-wen, insediatasi oggi per il secondo mandato.

La Cina esprime "forte indignazione e condanna" su azioni che "danneggiano gravemente la pace e la stabilità delle relazioni Cina-Usa " e prenderà "le necessarie contromisure e gli Usa ne dovranno pagare le conseguenze", si legge in una nota online.

L'irritazione cinese verso Pompeo, che ha chiamato la Tsai "presidente" quando Pechino si limita alla qualifica di "leader regionale", è sulla condotta giudicata "gravemente lesiva" delle tre dichiarazioni congiunte sulla "Unica Cina", alla base dei rapporti sino-americani. Pompeo, nella dichiarazione del dipartimento di Stato, ha definito Taiwan "forza per il bene nel mondo e un partner affidabile".

"La Cina esorta la parte Usa a correggere immediatamente i propri errori. La parte cinese prenderà le contromisure necessarie per rispondere alle azioni errate americane. E la parte Usa dovrà sopportare le conseguenze che ne derivano".

Questa mattina, nel discorso di insediamento per il secondo mandato, Tsai ha esortato la Cina a "trovare un modo per coesistere" con il governo democratico di Taiwan. Tsai, al potere dal 2016 con il suo Partito democratico progressista, ha adottato da subito politiche orientate a ridurre l'affidamento sulla Cina, soprattutto economico, a favore dei legami con altri partner, Stati Uniti in testa.

Da parte sua la presidente Tsai Ing-wen replica così alle congratulazioni inviate dal segretario di Stato Usa sul suo insediamento per il secondo mandato: "Grazie al segretario Pompeo per i migliori auguri. La partnership Taiwan-Usa è forte e piena di promesse. Non vedo l'ora di promuovere la nostra amicizia in base ai nostri numerosi valori e interessi condivisi".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.