Navigation

Cinema: al via a Drvengrad festival di Kusturica

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 gennaio 2012 - 07:18
(Keystone-ATS)

La quinta edizione del Festival internazionale del cinema e della musica 'Kustendorf', ideato e animato da Emir Kusturica e dedicato a giovani registi e cineasti, si è aperta questa sera a Drvengrad, villaggio idilliaco tutto in legno sulle montagne nell'ovest della Serbia, non lontano dalla Bosnia.

Tra fuochi d'artificio e accompagnamento musicale, Kusturica ha salutato la presenza di Isabelle Huppert, da lui definita "una delle migliori attrici al mondo". Ospiti a Drvengrad, che sotto la neve assume un'atmosfera ancora più fiabesca, erano inoltre il regista sudcoreano Kim Ki-duk e il suo collega americano Abel Ferrara. Alla cerimonia di inaugurazione è intervenuto fra gli altri anche il regista Thierry Fremaux.

A Kim Ki-duk, vincitore di un premio col suo film Arirang all'ultimo Festival di Cannes, Kusturica ha poi consegnato il Future Film Awarad, un riconoscimento che Kustendorf assegna all'ospite d'onore.

Alla quinta edizione del Festival di Kusturica (Kustendorf è un termine inventato dal regista e creato dal suo soprannome Kusta e dal tedesco Dorf, villaggio) sono in concorso per l'Uovo d'Oro (sarà assegnato il 23 gennaio al termine della rassegna) venti film di giovani registi provenienti da Belgio, Gran Bretagna, Estonia, Italia, Canada, Kirghizistan, Messico, Polonia, Macedonia, Portogallo, Germania, Usa, Russia, Spagnia, Serbia e Francia.

La tradizionale Retrospettiva dei Grandi è dedicata quest'anno a Kim Ki-duk e al turco Nuri Bilge Ceylan. Il programma sui Trend contemporanei include film dei fratelli Dardenne, del tedesco Andreas Dresden, dell'iraniana Marjane satrapi, dell'americano Abel Ferrara, del danese Frederikke Aspock.

La giuria internazionale è presieduta dall'attrice iraniana Leila Hatami, affiancata dal produttore francese Pierre Edelman e dall'attore e produttore serbo Zoran Cvijanovic.

Drvengrad (in serbo città di legno), minuscola località di casette da fiaba arroccata sui monti Tara e Shargan (ovest della Serbia), ha strade e piazze intitolate a personaggi famosi del cinema, del teatro, della letteratura, dello spettacolo e dello sport. Da Fellini a Mikhalkov, da 'Chè Guevara a Tarkovski, Bergman e Maradona.

Da due anni una statua in grandezza naturale di Johnny Depp accoglie i visitatori, in ricordo dell'attore americano che fu ospite d'onore al Festival. L'eccentrico Kusturica, che ha ideato tale villaggio a poca distanza da Mokra Gora e Visegrad (Bosnia), la città del Ponte sulla Drina di Ivo Andric, vi risiede da sei anni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?