Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ASPEN - L'attore americano Charlie Sheen si è dichiarato colpevole di aver aggredito la sua terza moglie con un coltello ed è stato condannato a 30 giorni di permanenza in un centro di disintossicazione da droga e alcol vicino alla sua casa di Malibu, in California.
Sheen, 44 anni, era stato arrestato lo scorso Natale nella località sciistica di Aspen in Colorado per aver aggredito la terza moglie, Broke Muller, durante una lite, mettendole un coltello alla gola e minacciandola di morte.
Un tribunale di Aspen lo aveva già condannato a 30 giorni di carcere, ma l'attore ha concordato con il procuratore la conversione del carcere in 30 giorni di comunità, oltre che un mese di libertà vigilata e 36 ore di corso per la gestione dell'aggressività.
"Sono grato alla corte - ha commentato Sheen -. Non aspetto che di eseguire la sua decisione, passando oltre e lasciando tutto questo dietro di me".
L'attore durante la riabilitazione potrà continuare a lavorare nella serie tv "Two And a Half Men", per la quale viene pagato 1,8 milioni di dollari a puntata. Sheen negli anni Novanta ha avuto numerosi guai con la giustizia per questioni di droga, violenze coniugali e prostituzione. Negli ultimi anni si è dedicato soprattutto alle serie tv, con ottimo successo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS