Navigation

Cinque persone accusate di traffico di organi

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 ottobre 2010 - 16:54
(Keystone-ATS)

PRISTINA - I giudici della missione europea in Kosovo Eulex hanno aperto un procedimento giudiziario a carico di cinque persone accusate di trapianto illegale di organi in una clinica privata kosovara.
Del gruppo di indagati - afferma Eulex in un comunicato - fanno parte medici e un ex responsabile del ministero della sanità del Kosovo. Tutti sono accusati di traffico di organi umani, abuso di potere, esercizio illegale della professione medica.
I fatti si riferiscono a un traffico internazionale di organi che avrebbe interessato nel 2008 la clinica 'Medicus' di Pristina. Le persone coinvolte, donatori e beneficiari, sono di diverse nazionalità. L'inchiesta era stata avviata dalla polizia kosovara e dall'Unmik (la missione dell'Onu in Kosovo) nel novembre 2008, ed era stata portata avanti dalla polizia di Eulex.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.