Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il produttore zurighese di cioccolato Lindt & Sprüngli ha messo a segno lo scorso anno un aumento degli utili del 13,1%, rispetto a dodici mesi prima, a 342,6 milioni. Il risultato operativo Ebit è salito del 17,4% a 474,3 milioni, su un fatturato che per la prima volta ha superato la soglia dei 3 miliardi di franchi.

Le vendite, come già annunciato in gennaio, sono infatti progredite del 17,4% a 3,39 miliardi, grazie all'acquisizione della società americana Russell Stover/Whitman's. Se non si tiene conto di questa operazione, portata a termine in settembre, la crescita organica è stata del 9,8%.

Il gruppo con sede a Kilchberg ha dunque superato i propri obiettivi che prevedevano un incremento del giro d'affari del 6-8%. I tassi di cambio hanno influenzato negativamente il fatturato nella misura di 1,1 punti percentuali.

I risultati annunciati oggi superano, di poco, le attese degli analisti consultati dall'agenzia finanziaria awp, che avevano calcolato un Ebit di 472,7 milioni e un utile netto di 341,9 milioni.

L'anno scorso è stato molto positivo, ha scritto il Ceo Ernst Tanner nel rapporto di gestione. L'azienda è cresciuta più dell'andamento del mercato. Le vendite in Europa, malgrado i consumi depressi, sono salite del 6,5% e in Nord America - senza Russel Stover - del 14,3%. Nelle altre regioni la progressione è stata del 13,9%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS