Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I turco-ciprioti tornano oggi alle urne nella parte settentrionale di Cipro per il ballottaggio che deciderà chi sarà per i prossimi cinque anni il leader della Repubblica Turca di Cipro del Nord (Rtcn, riconosciuta solo da Ankara).

Si tratta della parte dell'isola sotto occupazione militare turca dal 1974.

I seggi si sono aperti alle 8:00 locali (le 7:00 in Svizzera) e si chiuderanno alle 18:00. I primi risultati sono attesi dopo circa due ore. I due candidati in corsa sono il presidente uscente Dervis Eroglu, 77 anni, conservatore, che al primo turno si è aggiudicato il 28.15% dei voti, e il socialdemocratico Mustafa Akinci, 67 anni, che ha ottenuto il 26.94%.

Sulla base di un recente sondaggio d'opinione e degli sviluppi registratisi questa settimana nella politica turco-cipriota, il favorito è Akinci che ha incassato l'appoggio "attivo" del Partito Repubblicano Turco (Ctp, sinistra) la cui candidata, la presidente del Parlamento Sibel Siber, 55 anni, domenica scorsa ha ottenuto il 22.53% delle preferenze. Secondo diversi osservatori, inoltre, anche buona parte dei voti raccolti a spese di Eroglu dall'indipendente Kudret Ozersay, 42 anni, (ex negoziatore ai colloqui per la riunificazione dell'isola) che domenica si era piazzato quarto con il 21.25%, potrebbero confluire proprio su Akinci e dargli la vittoria.

Tra Eroglu ed Akinci, quest'ultimo è considerato dai greco-ciprioti il più favorevole ad una riunificazione dell'isola sulla base di un sistema federale e ad una smilitarizzazione della Rtcn per consentire un suo riavvicinamento alla comunità internazionale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS