Navigation

Cisgiordania: contro annessione "sospendere accordi Oslo"

Una maggioranza di intervistati vorrebbe le dimissioni di Abu Mazen per come ha gestito la crisi del coronavirus KEYSTONE/AP/Gregorio Borgia sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 giugno 2020 - 14:55
(Keystone-ATS)

Due terzi dei Palestinesi sono convinti che Israele estenderà la propria sovranità su parti della Cisgiordania, nel contesto del Piano Trump.

La reazione adeguata ad uno sviluppo del genere - secondo il 71 per cento - è di cessare la applicazione degli accordi di Oslo (1993) e di rompere ogni relazione con Israele.

Il 61 per cento è inoltre favorevole ad una "resistenza pacifica" per sventare i piani israeliani. Questi alcuni dei dati emersi in un sondaggio di opinione curato nei giorni scorsi in Cisgiordania e a Gaza dal Centro "Psr" di studi politici a cura di Khalil Shkak.

Il sondaggio ha rilevato che la quasi totalità dei palestinesi (88%.) si oppongono al Piano Trump e due terzi pensano che la Soluzione dei Due Stati non sia più raggiungibile "a causa degli insediamenti israeliani".

Sulla gestione della crisi sanitaria del coronavirus i Palestinesi ritengono che la loro leadership sia stata finora all'altezza della situazione, anche se i risarcimenti per i danni economici patiti sono considerati insoddisfacenti dal 77 per cento degli intervistati. Il 58 per cento vorrebbe comunque le dimissioni di Abu Mazen.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.