Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Cisgiordania è oggi paralizzata da uno sciopero dei trasporti pubblici, indetto nel contesto di una serie di manifestazioni popolari contro il caro vita e di protesta nei confronti del governo dell'Autorità nazionale palestinese (Anp).

Fonti locali riferiscono che hanno incrociato le braccia 24 mila autisti di autobus, taxi e anche di camion. Le ripercussioni per la popolazione sono state immediate. Gli scompensi maggiori si sono avuti nelle scuole, perchè in molti casi allievi e insegnanti sono rimasti forzatamente nelle proprie abitazioni.

Sottoposto ad una pressione crescente, il governo di Salam Fayyad cerca di mettere a punto misure di emergenza: ma non è in grado di accogliere la richiesta principale dei dimostranti, ossia la riduzione del prezzo della benzina che è legato all'andamento dei prezzi in Israele. In alcune occasioni Fayyad è stato sonoramente contestato da gruppi di dimostranti, che hanno anche invocato le sue dimissioni. Al momento il presidente dell'Anp, Abu Mazen (Mahmud Abbas), gli ha tuttavia confermato la fiducia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS