Navigation

Cittadini Usa-CH e fisco, aiuto della Confederazione è limitato

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 novembre 2013 - 12:49
(Keystone-ATS)

I binazionali elvetico-americani che intendono regolarizzare la loro situazione fiscale con gli Stati Uniti, rinunciando anche al passaporto a stelle e strisce, possono contare solo su un sostegno limitato da parte della Confederazione. Lo ha dichiarato oggi al consiglio degli Stati la ministra delle finanze Eveline Widmer-Schlumpf, precisando che l'amministrazione continuerà a sensibilizzare le autorità americane nel corso dei normali contatti diplomatici, seppur consapevole che la possibilità di influenzare la legislazione Usa in materia tributaria è assai limitata.

Rispondendo a un'interpellanza di Konrad Graber (PPD/LU), la consigliera federale ha detto di capire i problemi cui vanno incontro gli Svizzeri con doppio passaporto alle prese col fisco statunitense e con la pastoie burocratiche, nonché il rischio concreto di denuncia, che implica mettersi in regola.

La situazione si è fatta più acuta con l'introduzione nel 2010 del del FATCA (Foreign Account Tax Compliance), una norma emanata dagli Usa per combattere l'evasione fiscale offshore dei propri cittadini. Essa obbliga le banche estere a dichiarare alle autorità fiscali statunitensi redditi e interessi oltre i 50 mila dollari dei loro cittadini residenti all'estero.

Stando a Graber, molti binazionali, ignari del fatto di essere sottoposti alla tassazione americana, si trovano in una situazione poco invidiabile. Basti pensare, ha aggiunto, che vi sono banche in Svizzera che si rifiutano di averli come clienti. Molti di loro hanno quindi deciso di rinunciare alla nazionalità statunitense.

Tuttavia, tale rinuncia presuppone la regolarizzazione della situazione fiscale, un processo lungo e assai costoso, ha sostenuto il "senatore" lucernese. Spesso, ha aggiunto, non è nemmeno possibile liquidare il problema rivolgendosi a rappresentanze americane in Svizzera, ma bisogna recarsi in un altro paese europeo. Insomma, una vera e propria gara ad ostacoli.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo