Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La fusione fra Clariant e Huntsman suscita critiche 8archvio)

KEYSTONE/STEFFEN SCHMIDT

(sda-ats)

Emergono resistenze contro il progetto di fusione fra il gruppo chimico basilese Clariant e il concorrente americano Huntsman: un fondo d'investimento Usa si oppone all'operazione perché a suo avviso essa non valorizza appieno l'impresa elvetica.

In una comunicazione diffusa oggi White Tale, veicolo d'investimento delle società Corvex e 40 North che afferma di detenere il 7% di Clariant, deplora il fatto che la direzione non abbia seriamente valutato i rapporti che indicavano come l'azienda o alcune sue divisioni interessino anche ad altri gruppi.

"Ci sono buone opportunità per mettere in evidenza il valore di molte attività di qualità attualmente incluse in Clariant", ha affermato un portavoce di White Tales. "Purtroppo non crediamo che la proposta di fusione con Huntsman sia una di queste".

Da parte sua Clariant ha fatto sapere all'agenzia Awp di aver preso conoscenza della quota detenuta da Corvex e 40 North nel suo capitale e di essere disposta a dialogare apertamente con ciascuno dei suoi azionisti.

Le novità odierne hanno messo le ali al titolo Clariant in borsa, che nella prima ora di contrattazioni è arrivato a guadagnare oltre il 4%.

SDA-ATS