Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La moglie di Donald Trump, Melania, alla convention repubblicana a Cleveland

Keystone/EPA/MICHAEL REYNOLDS

(sda-ats)

"Se volete qualcuno che lotti per voi, ve lo posso assicurare, è lui". L'attesa era tutta per lei, nella prima serata della convention repubblicana a Cleveland: Melania Trump alle prove da first lady.

Ad annunciarla il candidato presidente in persona, giunto nell'arena sulle note di 'We are the champions' dei Queen: "Eccovi la prossima first lady degli Stati Uniti". E Melania Trump si mette in gioco dichiarando il suo amore per l'America: "La cittadinanza degli Stati Uniti è il più grande privilegio della Terra".

Lei l'ha ottenuta dieci anni fa. Lo ha ricordato nel raccontare all'America la sua storia, di modella giunta dalla Slovenia a New York, una città che è stata a volte dura anche con lei. Poi però il 'sogno americano' l'ha portata fin qui oggi, bella ed elegante vestita di bianco, a garantire che "se avrò l'onore di diventare first lady , userò quel meraviglioso privilegio per tentare di aiutare chi ne ha più bisogno". Il resto poi è tutto su Donald Trump, l'uomo giusto secondo Melania, il marito che ama la famiglia e "il suo Paese" più di tutto; che è un uomo buono, gentile, assennato.

Con la responsabilità dell'intervento clou della prima serata, preceduta da una galleria di speaker dai toni più variegati - dalla madre della vittima di Bengasi che ha attaccato Hillary Clinton, allo sceriffo afroamericano per cui "blue lives matter" (ovvero le vite dei poliziotti), dall'attore di Happy Days, all'ex modello italiano orgoglioso della sua cittadinanza americana raggiunta regolarmente, e in fine l'ex sindaco di New York, il più vigoroso, che ha infiammato la platea - erano altissime le aspettative per Melania, che pare abbia dedicato settimane a prepararsi per questo momento.

E sì, è stata una novità sentirla parlare così a lungo, con un piglio mai notato fino ad ora. Il testo del discorso scritto per lei ha offerto però pochi picchi di entusiasmo o sorprese. Che poi parlare in pubblico non sia il suo mestiere è stato evidente: se diventerà davvero first lady dovrà esercitarsi a leggere il gobbo, a modulare la voce, a guardare la platea negli occhi.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS