Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Undici paesi hanno annunciato in apertura della Cop21 un contributo complessivo di 248 milioni di dollari al Fondo per i Paesi meno sviluppati (Ldcf) per sostenere l'adattamento ai cambiamenti climatici degli stati più vulnerabili.

Tra i donatori figurano Stai Uniti, Francia, Germania, Gran Bretagna e Italia.

Il Lcdf, gestito dalla Global environment facility, "ha un ruolo chiave nell'affrontare bisogni di adattamento urgenti e immediati dei Paesi meno sviluppati, focalizzandosi sulla riduzione della vulnerabilità di settore e risorse cruciali per lo sviluppo nazionale, come acqua, agricoltura e sicurezza alimentare", spiega la dichiarazione congiunta che annuncia la donazione.

Dalla creazione del fondo, nel 2001, al giugno 2015, il fondo ha finanziato progetti e programmi per 931,5 milioni di dollari, che hanno aiutato a mobilitare circa 3,8 miliardi complessivi attraverso co-finanziamenti.

La domanda di sostegno da parte dei Paesi in via di sviluppo, sottolineano dalla Global environment facility, "rimane forte: siccità, tempeste violente, aumento del livello del mare e altri cambiamenti climatici stanno già avendo un impatto sui Paesi e le comunità più vulnerabili del Pianeta".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS