Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEW YORK - Il pinguino di Adelia, quello più diffuso in Antartide, rischia di restare letteralmente al buio a causa dei cambiamenti climatici. Lo afferma uno studio pubblicato dalla rivista "Ecology", secondo cui lo scioglimento dei ghiacci porterà questi animali a spostarsi in zone dove non c'è la necessaria quantità di sole per sopravvivere.
I ricercatori di diverse università statunitensi e neozelandesi hanno seguito due colonie di pinguini di Adelia che vivono nella barriera di Ross, il più grande ghiacciaio del continente, per tre anni, monitorandone gli spostamenti con sensori Gps. Secondo le osservazioni, all'avvicinarsi dell'inverno australe e per tutta la durata di questo i pinguini tendono a spostarsi nelle zone dove il ghiaccio è più spesso, e dove ci sono almeno due ore di luce al giorno, evitando quelle dove il sole non si alza mai sull'orizzonte.
Nel prossimo futuro però, le abitudini potrebbero dover cambiare: "L'estensione del ghiaccio nell'area diminuirà, prevedono i modelli climatici - spiega Grant Ballard, dell'associazione PRBO Conservation Science - quindi anche le migrazioni cambieranno. Alla fine dovranno affrontare o la mancanza di ghiaccio o il buio perenne. Normalmente questi animali sono in grado di adattarsi, ma i cambiamenti avverranno così rapidamente che il rischio di estinzione è concreto".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS