Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo dieci giorni di negoziati, nella nuova bozza di accordo della Conferenza dell'Onu sul clima sui temi più critici e controversi ancora non c'è la posizione univoca in cui molti speravano.

Il testo rivisto è ben più corto di quello di fine settimana scorsa, 29 pagine invece di 48, ma ha ancora "troppe" parti su cui non c'è consenso, ammette il ministro degli Esteri francese e presidente della Cop 21, Laurent Fabius, davanti alla plenaria.

Per questo, l'imperativo a ministri e negoziatori è perentorio: mettersi al lavoro "immediatamente", e "intensificare gli sforzi" sulle tre grandi questioni su cui il compromesso resta ancora lontano. Il che significa riunioni e meeting bilaterali per tutta la notte, per arrivare probabilmente a un nuovo testo domani in tarda mattinata.

I punti controversi, però, sono proprio quelli chiave per la riuscita della Conferenza. A cominciare dalla differenziazione, ovvero il riconoscimento del fatto che gli sforzi richiesti a ciascun gruppo di Paesi non debbano essere gli stessi.

Tutti concordano che il paradigma fissato negli anni Novanta, all'inizio del processo, vada rivisto, perché le condizioni economiche e sociali di alcuni sono drasticamente cambiate. Non c'è però intesa su quanto marcata debba essere questa revisione, soprattutto per nazioni in forte crescita come Cina e India, che alcuni Paesi avanzati vorrebbero veder fare di più sulla riduzione delle emissioni, e magari anche entrare nel gruppo dei fornitori di fondi per il finanziamento climatico.

In materia finanziaria il vero nodo è quello del cosiddetto sistema di "loss and damages" - ovvero il meccanismo di aiuto ai Paesi più vulnerabili per affrontare i cambiamenti "permanenti e irreversibili" che "vanno al di là di quello a cui ci si possa adattare" - e la questione delle popolazioni costrette a fuggire dalle aree più colpite. Su questo tema, il testo è rimasto invariato rispetto a sabato, e le trattative sono così serrate che le sessioni si tengono a porte chiuse, senza possibilità di accesso per gli osservatori della società civile.

"Una chiara indicazione che i Paesi sviluppati cercano di nascondere il loro cattivo comportamento", commenta polemica Julie-Anne Richards, della rete di Ong Climate action network (Can), secondo cui "un accordo che porta le popolazioni a soffrire per il cambiamento climatico e poi li lascia da soli a subire le conseguenze, senza adeguato supporto, non è un accordo sul cambiamento climatico".

Infine, restano aperte le opzioni sulla soglia da fissare per il riscaldamento globale rispetto all'età pre-industriale: dire chiaramente 1,5 o 2 gradi, oppure trovare una formulazione che includa entrambi i valori, puntando a restare "ben al di sotto" di 2 e promettendo un "incremento dello sforzo" per restare il più vicino possibile a 1,5, ricordando che questo è già "ad alto rischio" per "alcune regioni ed ecosistemi vulnerabili".

Al di là della formulazione però, sottolineano ancora le Ong, ciò che conta è fare in modo che gli impegni nazionali sulla riduzione delle emissioni siano sufficienti a tradurre l'obiettivo dalla carta alla pratica. Diventa cruciale il momento in cui la revisione degli impegni sarà fissata.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS