Navigation

Clima: Guterres, la scelta è tra speranza e capitolazione

Aprendo la 25.ma Conferenza dell'ONU sui cambiamenti climatici (Cop25) oggi a Madrid, il segretario generale Antonio Guterres ha chiesto ai rappresentanti dei Paesi se vogliono davvero essere ricordati "come la generazione che si gingillava mentre il pianeta bruciava". KEYSTONE/EPA EFE/EMILIO NARANJO sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 02 dicembre 2019 - 12:32
(Keystone-ATS)

L'umanità, che subisce il riscaldamento globale, deve scegliere tra "la speranza" di un mondo migliore agendo o la "capitolazione": lo ha detto il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres aprendo oggi a Madrid la 25/a Conferenza sui cambiamenti climatici (Cop25).

Nel suo discorso in apertura della Conferenza dell'Onu, Guterres ha chiesto ai rappresentanti dei Paesi se vogliono davvero essere ricordati "come la generazione che ha messo la testa sotto la sabbia, che si gingillava mentre il pianeta bruciava".

Il segretario generale delle Nazioni Unite ha continuato affermando che i nuovi dati mostrano che i gas serra hanno raggiunto livelli record e che non c'è altro tempo da perdere, aggiungendo che se non si agisce subito contro il carbone "tutti i nostri sforzi per combattere i cambiamenti climatici sono destinati al fallimento".

Guterres ha quindi esortato in particolare i grandi inquinatori ad intensificare i loro sforzi altrimenti "l'impatto su tutte le forme di vita del pianeta, compresa la nostra, sarà catastrofico".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.