Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Per Hillary Clinton bisogna intensificare la campagna contro lo Stato Islamico, con un numero maggiore di raid e di aerei, anche di alleati, che vi partecipano.

In un discorso pronunciato oggi al Council of Foreign Relations a New York, la candidata democratica ha così preso in un certo modo le distanze dell'attuale strategia adottata da Barack Obama, sottolineando la necessità di rafforzare l'azione anche se si è allineata con il presidente nell'escludere l'invio di forze di terra.

"È arrivato il momento di avviare una nuova fase ed intensificare ed allargare i nostri sforzi per schiacciare l'aspirante califfato e negare allo Stato Islamico il controllo del territorio in Iraq e Siria - ha detto l'ex segretario di Stato - e questo inizia con una campagna aerea della coalizione più efficace, con più aerei degli alleati, più raid e una lista più ampia di obiettivi".

Accanto a questo però va intensificato lo sforzo per fornire sostegno logistico e di addestramento alle forze sul terreno perchè "se abbiamo imparato qualcosa da 15 anni di guerre in Iraq ed in Afghanistan è che sono le popolazioni locali che devono proteggere le proprie comunità".

La candidata alla Casa Bianca ha anche auspicato che Turchia e Paesi arabi della regione possano svolgere un ruolo centrale nello sconfiggere lo Stato Islamico. "Dobbiamo fare in modo che loro facciano la loro parte, con contributi in termini finanziari e di intelligence, ed usando la loro influenza con i combattenti e le tribù in Iraq e Siria", ha detto.

Riguardo poi la cooperazione con Russia e Iran, Clinton l'ha definita un importante elemento della soluzione della guerra, ma ha sottolineato che i due Paesi devono capire che "continuare a sostenere un terribile dittatore non porterà stabilità".

Infine, Clinton si è unita alle critiche di Obama alle posizioni assunte dai governatori ed esponenti repubblicani che non vogliono accettare i profughi siriani citando un rischio per la sicurezza. "Rimandare indietro orfani, sottoporli ad un test religioso, discriminare i musulmani, chiudere la porta ad ogni rifugiato siriano, questo non è quello che siamo", ha affermato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS