Navigation

Cloro: solo 25% dei trasporti soddisfa norme di sicurezza

Solo il 25% di tutti i vagoni ferroviari per i trasporti di cloro - gas estremamente tossico - in Svizzera soddisfa gli standard di sicurezza più elevati. KEYSTONE/VALENTIN FLAURAUD sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 15 settembre 2019 - 13:00
(Keystone-ATS)

Secondo il domenicale Le Matin Dimanche solo il 25% di tutti i vagoni ferroviari per i trasporti di cloro - gas estremamente tossico - in Svizzera soddisfa gli standard di sicurezza più elevati. Entro la fine dell'anno la quota dovrebbe però raggiungere il 75%.

Il 26 settembre del 2016, nell'ultima dichiarazione dell'industria chimica, delle FFS, dell'associazione degli spedizionieri e delle autorità svizzere era stato promesso un tasso del 100%.

"La percentuale delle importazioni di cloro effettuate con i vagoni più sicuri è inferiore alle attese. Sarà necessario ancora un certo periodo di tempo", ha dichiarato l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) al domenicale romando.

"Il guadagno in termini di sicurezza derivante dall'impiego dei carri cisterna attualmente più sicuri è relativamente modesto rispetto ad altre misure", ha rassicurato Daniel Bonomi, vicedirettore della sezione prevenzione degli incidenti rilevanti dell'UFAM. È in particolare grazie all'introduzione di convogli speciali che circolano solo a 40 km/h che i rischi sono stati ridotti di un fattore 10, precisa Bonomi.

L'UFAM mantiene tuttavia il suo obiettivo di dotare i vagoni degli ultimi sviluppi tecnici. I ritardi sono dovuti al fatto che la flotta di questi veicoli speciali è relativamente limitata e un gran numero di tali vagoni è già noleggiato a lungo termine. Inoltre le capacità di produzione per gli equipaggiamenti supplementari dei vagoni cisterna sono limitate in tutta Europa.

La situazione ha provocato la rabbia dei parlamentati ginevrini. Il consigliere nazionale Hugues Hiltpold (PLR/GE) si rivolgerà lunedì al Consiglio federale, mentre Lisa Mazzone (Verdi/GE) ha già depositato un'interpellanza.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.