Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Dopo il Consiglio degli Stati, anche il Nazionale ha deciso di costituire un fondo speciale dove accantonare 400-500 milioni di franchi all'anno per aiutare i contadini nel caso di realizzazione di un accordo di libero scambio agricolo con l'Unione europea (Ue) o nell'ambito dell'Organizzazione mondiale del commercio (WTO).
Il progetto, accolto con 90 voti contro 87 e 8 astensioni, prevede di accantonare fino al 2016 gli introiti provenienti dai dazi doganali sull'importazione di prodotti agricoli e sui generi alimentari per complessivi 3-4 miliardi di franchi.
La decisione odierna ribalta quelle prese in precedenza: l'anno scorso la camera del popolo aveva infatti votato la non entrata in materia. In seguito, dopo che gli Stati avevano deciso di affrontare l'argomento, in marzo il Nazionale aveva deciso di rinviare il progetto al Consiglio federale. Oggi, i deputati hanno però cambiato idea.

SDA-ATS