Tutte le notizie in breve

Il Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona (foto d'archivio).

KEYSTONE/TI-PRESS/TATIANA SCOLARI

(sda-ats)

Al Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona sarà affiancata una corte d'appello indipendente. Il Consiglio nazionale ha infatti eliminato oggi - tacitamente - l'ultima divergenza che l'opponeva agli Stati.

La costituzione di una corte d'appello in seno al TPF concretizza il principio della duplice istanza a livello federale, principio secondo il quale un'infrazione penale può essere giudicata da due tribunali indipendenti sia per quanto concerne l'apprezzamento giuridico del fatto sia per quanto concerne l'accertamento dei fatti.

Quando è confrontato con ricorsi contro le sentenze del TPF, il Tribunale federale (TF) può soltanto verificare che il diritto sia correttamente applicato. I giudici di Losanna sono infatti di principio vincolati agli accertamenti effettuati dall'istanza inferiore. Il TF può rettificarli soltanto se il loro esame è manifestamente inesatto o si fonda su una violazione del diritto.

In un primo tempo, il progetto governativo prevedeva l'ampliamento delle competenze del TF. I deputati hanno però preferito incaricare il Consiglio federale di elaborare le basi legali per istituire una corte d'appello indipendente. Il TF verrebbe così sgravato di una certa mole di lavoro o, in ogni caso, non verrebbe sollecitato ulteriormente.

L'ultima divergenza riguardava la possibilità di offrire, nel caso in cui il Codice di procedura penale autorizzasse un giudice unico, di delegare a determinate condizioni il procedimento alla corte degli affari penali. Ciò significherebbe affidare il dossier a tre giudici.

Gli Stati e il Consiglio federale avevano però bocciato tale proposta. Oggi il Nazionale si è allineato. La pertinente legge è così pronta per le votazioni finali.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve