Tutte le notizie in breve

Il Nazionale vuole autorizzare ampliamenti più vasti di quelli previsti dalla legge sulla pianificazione del territorio.

Keystone/KARL MATHIS

(sda-ats)

Il Consiglio nazionale vuole allentare le restrizioni che limitano l'estensione delle costruzioni in campagna.

Con 94 voti contro 90 ha sostenuto una mozione di Pierre-André Page (UDC/FR) che vuole autorizzare ampliamenti più vasti di quelli previsti dalla legge sulla pianificazione del territorio (LPT).

La LPT restringe l'ampliamento delle costruzioni fuori dalle zone edificabili al 30% del volume iniziale e a 100 metri quadrati. Inoltre, l'estensione deve essere "misurata". Secondo il democentrista, queste limitazioni pongono dei problemi.

Page vorrebbe permettere di arrivare fino al massimo del volume già esistente. La ministra dell'ambiente Doris Leuthard si è vanamente opposta: "Al momento abbiamo circa 600'000 edifici in campagna. Cosa succederebbe se autorizzassimo l'ingrandimento di tutti?", ha domandato.

Ha inoltre ricordato che questo aspetto è già preso in considerazione nella seconda revisione della LPT, sulla quale il Consiglio federale si pronuncerà prossimamente. Secondo la Leuthard, sarebbe ad ogni modo più opportuno aumentare la densità abitativa nei cuori dei comuni piuttosto che in aperta campagna.

Attualmente la legge si basa sul principio di separazione fra zone edificabili e non. Questa distinzione permettere di avere terreni a prezzi abbordabili per gli agricoltori e di conservare il paesaggio.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve