Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio nazionale ha approvato i conti della Confederazione relativi al 2016.

KEYSTONE/PETER KLAUNZER

(sda-ats)

Il Consiglio nazionale ha approvato oggi all'unanimità il conto 2016 della Confederazione, nonché i tre conti speciali (Fondo per il finanziamento dell'infrastruttura ferroviaria, Fondo infrastrutturale e Regia federale degli alcool).

I conti chiudono con un'eccedenza di 800 milioni di franchi, anziché con un deficit di 500 milioni come previsto dal preventivo.

Nonostante le maggiori entrate, il Consiglio federale prevede ulteriori misure di risparmio. A suo avviso, il risultato positivo è dovuto agli effetti generati dai tassi negativi. Senza i pagamenti anticipati dell'imposta federale diretta (IFD) e gli aggi sulle vendite di obbligazioni, il conto 2016 avrebbe chiuso con un deficit.

Attualmente, a chi paga l'IFD prima della scadenza viene corrisposto un interesse rimunerativo dello 0,25%. Ciò invita i contribuenti a pagare l'IFD volontariamente prima della scadenza. L'interesse è infatti superiore a quello applicato dalle banche. Proprio per evitare questo problema, il Dipartimento delle finanze (DFF) ha già comunicato che, almeno per il 2017, il tasso verrà azzerato.

Ieri anche il Consiglio degli Stati aveva adottato i conti all'unanimità.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS