Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio nazionale si oppone all'introduzione di un congedo paternità di due settimane. Lo ha deciso oggi respingendo - con 97 voti a 90 e 5 astenuti - un'iniziativa parlamentare di Martin Candinas (PPD/GR). Il testo è così definitivamente bocciato.

L'autore dell'iniziativa sosteneva che "la presenza del padre dopo la nascita di un figlio è indispensabile per un buon inizio della vita familiare. Con l'arrivo del primogenito, i genitori devono adattarsi alla nuova situazione e impegnarsi a costruire un rapporto con il neonato. Se vi sono già altri figli, occorre occuparsi anche di loro. A tale scopo anche i padri necessitano di un congedo dall'attività lavorativa".

Il congedo avrebbe dovuto essere finanziato mediante le indennità per perdita di guadagno (IPG) con un tasso di sostituzione dell'80% e un'indennità giornaliera massima di 196 franchi.

Regine Sauter (PLR/ZH) ha affermato, a nome della commissione, che le intenzioni del testo sono nobili, e già oggi numerosi datori di lavoro concedono giorni liberi supplementari ai papà. Ma si tratta "di un gesto caro, che non ci possiamo permettere", ha specificato. È compito delle famiglie organizzarsi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS