Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli sforzi per rendere più efficace la cooperazione internazionale in materia di restituzione degli averi dei potentati vanno intensificati.

Il Consiglio nazionale si è oggi allineato agli Stati, che nel corso dell'ultima sessione delle Camere avevano approvato la nuova Legge federale concernente il blocco e la restituzione dei valori patrimoniali di provenienza illecita di persone politicamente esposte all'estero (LBRV). L'oggetto è pronto per le votazioni finali.

A fine settembre gli Stati non avevano voluto limitare la cerchia dei soggetti vicini alla persona politicamente esposta (PPE) cui si applica la legge e avevano così seguito la proposta del governo che ricalca la prassi internazionale e quanto già in vigore nella legge contro il riciclaggio modificata meno di un anno fa. In giugno, il "vecchio" Nazionale aveva invece voluto considerare solo coloro che hanno partecipato o conservato patrimoni di origine illecita. Ora la nuova Camera del popolo, con 117 voti contro 61, ha deciso di allinearsi a quella dei Cantoni. Soltanto l'UDC vi si è opposta invano.

La nuova legge ha quale scopo di evitare il ricorso al diritto di urgenza, come si è verificato ancora di recente, quando il Consiglio federale ha deciso di congelare gli averi del destituito presidente ucraino Viktor Ianoukovitch.

All'inizio del 2011, in seguito agli avvenimenti della primavera araba, il governo aveva reagito rapidamente agli eventi occorsi nel Nordafrica bloccando a scopo preventivo gli averi in Svizzera dei deposti presidenti Ben Ali (Tunisia) e Mubarak (Egitto) e a persone del loro entourage. In questo modo, intendeva impedire una fuga di valori patrimoniali di probabile origine illecita e facilitare l'avvio di relazioni di assistenza giudiziaria con gli Stati di provenienza.

Nel marzo del 2011, il Parlamento ha poi accolto una mozione che imponeva al Consiglio federale di presentare una base legale formale per l'attuazione di simili blocchi di averi. Si trattava in primis di riprendere i provvedimenti che la Confederazione ha adottato in questo ambito nel corso degli ultimi 25 anni.

Nell'ultimo quarto di secolo la Svizzera è infatti stata più volte confrontata con simili casi. Da allora, ha restituito ai Paesi di provenienza circa 1,8 miliardi di franchi sottratti da personaggi quali Ferdinando Marcos (Filippine), Sani Abacha (Nigeria) o Vladimiro Montesinos (Perù).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS