Navigation

CN: controprogetto imprese responsabili, ancora divergenze

"Imprese responsabili": Nazionale e Stati continuano ad avere opinioni diverse KEYSTONE/ALESSANDRO DELLA VALLE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 11 marzo 2020 - 10:12
(Keystone-ATS)

Nazionale e Stati continuano ad avere opinioni diverse in merito al controprogetto da affiancare all'iniziativa "per imprese responsabili". Con 98 voti contro 92 voti, la Camera del popolo ha deciso di mantenere la sua controproposta bocciando quella dai "senatori".

Tentando di convincere il plenum ad adottare la soluzione della Camera dei cantoni, Philipp Bregy (PPD/VS) ha sostenuto che l'unica controproposta possibile è quella degli Stati. "I senatori inizialmente non volevano alcun controprogetto, è quindi illusorio pensare che possano un giorno allinearsi a quello del Nazionale", ha aggiunto.

È solo riprendendo le preoccupazione degli iniziativisti che si può elaborare un controprogetto credibile, ha replicato Ursula Schneider Schüttel (PS/FR). Abbiamo lavorato due anni per elaborare questo dossier con l'obiettivo di permettere ai promotori dell'iniziativa di ritirare la loro proposta di modifica costituzionale, ha aggiunto con successo la relatrice commissionale Laurence Fehlmann Rielle (PS/GE) secondo cui non è insomma il momento di abbassare le braccia. Con 100 voti contro 70 e 26 astenuti, la Camera del popolo ha poi anche bocciato una proposta democentrista che voleva rinunciare a ogni controprogetto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.