Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Svizzera deve formare un numero maggiore di medici se vuole garantire un ricambio generazionale adeguato. Il Consiglio nazionale ha approvato oggi - con 136 voti contro 44 e 6 astenuti - una mozione in tal senso di Jacques Neirynck (PPD/VD). Tra le misure preconizzate dal parlamentare popolare-democratico figura anche l'istituzione di una facoltà federale di medicina in Ticino.

L'idea ha cominciato a fare strada e il cantone sta discutendo della creazione di una facoltà di biomedicina con un master in medicina umana, hanno aggiunto sia l'autore della mozione che il consigliere federale Johann Schneider-Ammann. Rispondendo in maggio a un'interpellanza della consigliera nazionale Bea Heim (PS/SO), il governo aveva già indicato che l'istituzione di una facoltà ticinese di medicina, in collaborazione con altri atenei, potrebbe garantire la formazione di ulteriori 60-70 dottori.

Nel catalogo dei provvedimenti previsti da Neyrinck figura anche la possibilità di autorizzare i politecnici federali a rilasciare un bachelor in medicina, l'idea di aumentare il contributo finanziario alle facoltà delle università cantonali esistenti, nonché di rendere di competenza federale una o più di queste facoltà.

Secondo l'autore della mozione, il numero di medici formato annualmente è di circa 700 persone, mentre ce ne vorrebbero almeno 1200-1400. I candidati agli studi di medicina sono in media 3'400, ma solo un terzo viene ammesso nelle facoltà. Di conseguenza, la Svizzera deve importare numerosi dottori, il che è inaccettabile per Neyrinck.

Dal canto suo Johann Schneider-Ammann, pur condividendo la necessità di intervenire nella formazione dei medici svizzeri, ha dichiarato invano che questo ambito è di competenza cantonale. Al momento del voto la maggioranza della Camera del popolo non lo ha però seguito.

Il Consiglio degli Stati deve ancora pronunciarsi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS