Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il parlamento non tratterà contemporaneamente l'iniziativa "Per un equo finanziamento dei trasporti", detta anche della "vacca da mungere", e il Nuovo fondo per le strade nazionali e il traffico d'agglomerato (FOSTRA).

Con 93 voti contro 91 e 2 astenuti, il Consiglio nazionale ha infatti bocciato una proposta di rinvio in commissione del testo inoltrato da rappresentanti degli importatori di automobili e delle associazioni del settore stradale (TCS e ACS).

"Il problema - ha affermato Roger Nordmann (PS/VD) a nome della commissione - è che l'iniziativa e il progetto FOSTRA vogliono modificare lo stesso articolo costituzionale". Non è quindi possibile trattare i due oggetti in parallelo senza legarli.

In tal caso il progetto FOSTRA diventerebbe controprogetto diretto all'iniziativa "vacca da mungere". Questa eventualità è però invisa alla commissione, ha spiegato Nordmann, poiché si rischierebbe di riprodurre quanto avvenuto con l'iniziativa Avanti. Quest'ultima era stata ritirata a beneficio del controprogetto che però fu bocciato dalle urne.

Da parte sua, Olivier Français (PLR/VD) ha chiesto di fare un passo verso i promotori dell'iniziativa e di coinvolgere la lobby stradale nelle discussioni. Rifiutare il dialogo significa infatti irrigidire le posizioni in vista della votazione. Inoltre, ha aggiunto, il progetto FOSTRA attualmente non soddisfa la maggioranza dei partiti.

Non legando i due oggetti si corre poi il rischio che il popolo bocci sia l'iniziativa che il progetto FOSTRA. La maggioranza sottovaluta anche la possibilità che l'iniziativa "vacca da mungere" venga accettata, ha sostenuto Français. Per Kurt Fluri (PLR/SO) sarebbe più facile combattere il testo della lobby stradale se si offre agli elettori una vera alternativa tramite un controprogetto.

Respinta la proposta di rinvio, ora può iniziare il dibattito sulla raccomandazione di voto. Le discussioni dovrebbero durare circa tre ore: i parlamentari che hanno chiesto di prendere la parola sono infatti 36.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS