Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Il Consiglio nazionale ha iniziato nel pomeriggio il dibattito sull'iniziativa popolare "gioventù + musica", intesa a rafforzare la formazione musicale di bambini e giovani. Contro il parere del Consiglio federale, la Camera del popolo potrebbe effettivamente seguire la sua commissione e accettare il testo.
Secondo il governo, l'iniziativa intacca l'autonomia dei cantoni e rischia di minare gli attuali sforzi d'armonizzazione scolastica. Obbligherebbe infatti la Confederazione e i cantoni a incoraggiare la formazione musicale. Berna sarebbe tenuta a definire criteri particolari per l'insegnamento della musica.
Ignorando le preoccupazioni del Consiglio federale, numerosi oratori hanno auspicato un miglioramento della posizione della musica nella formazione. Essa può rafforzare la coesione nazionale e favorire lo sviluppo della personalità e quello sociale, ha sottolineato Josiane Aubert (PS/VD) a nome della maggioranza della commissione.
Probabilmente, il Nazionale raccomanderà l'accettazione dell'iniziativa, visto che vi si oppone solo l'UDC e una minoranza del PLR. Il dibattito proseguirà domani.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS