Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

CN: Italia-Svizzera, accordo fiscale, al momento tutto tace

Il consigliere nazionale Fabio Regazzi (PPD/TI) (foto d'archivio)

KEYSTONE/ANTHONY ANEX

(sda-ats)

L'attuale governo italiano non ha fatto sapere nulla sul futuro dell'accordo fiscale tra l'Italia e la Svizzera. Lo scrive il Consiglio federale in risposta a una domanda di Fabio Regazzi (PPD/TI).

Per il governo, valgono ancora le assicurazioni date dal ministro dell'economia Giovanni Tria al consigliere federale Ueli Maurer il 5 di ottobre scorso, ossia che l'intesa sarebbe stata presto trattata dal governo di Roma.

Finché il governo italiano non ratificherà il documento negoziato con la Svizzera, che prevede un nuovo sistema di imposizione dei frontalieri, rimarrà in vigore l'accordo di doppia imposizione risalente al 1974.

Nell'attesa che l'esecutivo Conte affronti questo dossier, la Confederazione continua ad approfondire con l'Italia la possibilità che le banche elvetiche possano offrire i rispettivi servizi finanziari nella Penisola, si legge nella riposta scritta odierna del Consiglio federale.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.