Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Confederazione deve risparmiare 1,5 miliardi all'anno sulle spese ricorrenti.

Il Nazionale ha dato seguito oggi - con 107 voti a 53 - a una mozione della Commissione delle finanze, che chiede al Consiglio federale un esame strategico della situazione, che dovrà portare a uno snellimento della burocrazia. Il testo passa agli Stati.

La misura sarà messa in atto progressivamente nei preventivi degli anni 2017, 2018 e 2019.

La crescita del PIL sarà più debole del previsto nei prossimi anni, soprattutto a causa del franco forte. "Dobbiamo restare prudenti", ha detto Jean-Pierre Grin (UDC/VD) a nome della commissione. Ciò soprattutto in nome del freno all'indebitamento.

Una minoranza di sinistra, guidata da Philipp Hadorn (PS/SO), ha proposto invano di respingere la mozione. "Le finanze federali non hanno ancora il coltello alla gola" e i tagli possono attendere.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS