Navigation

CN: LAMal, "sì" a progetti pilota per ridurre costi

Si potranno testare progetti pilota innovativi nella sanità allo scopo di ridurre i costi KEYSTONE/ANTHONY ANEX sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 giugno 2020 - 15:28
(Keystone-ATS)

Un nuovo articolo destinato a progetti sperimentali per esaminare come si possano frenare i costi della sanità. Lo ha approvato oggi il Consiglio nazionale adottando, con 140 voti contro 48 e 9 astenuti, una revisione della legge sull'assicurazione malattie (LAMal).

All'inizio del dibattito alle Camere, due settimane fa, diversi parlamentari avevano sottolineato la necessità di agire. Il relatore commissionale Pierre-Yves Maillard (PS/VD) aveva ricordato che i premi sono raddoppiati dall'introduzione dell'assicurazione obbligatoria nel 1996 aggiungendo però che sussistono possibilità per contenere le spese. I costi aumentano in misura sproporzionata, aveva riconosciuto il consigliere federale Alain Berset.

Con il progetto adottato oggi, sono attesi risparmi a lungo termine dell'ordine di diverse centinaia di milioni di franchi all'anno. La modifica della LAMal prevede anche la possibilità di testare progetti pilota innovativi che esplorino piste per ridurre i costi.

Ed è proprio questo punto quello trattato in data odierna dal Nazionale, essendo gli altri già esaminati nella seduta dell'8 giugno scorso. Oggi la Camera del popolo ha in particolare deciso che i progetti pilota non dovranno essere organizzati unicamente allo scopo di contenere i costi, ma potranno essere condotti anche basandosi su criteri di qualità.

Il Nazionale ha anche deciso di cancellare l'elenco dei settori proposto dal Consiglio federale in cui i progetti pilota sono possibili. Una tale restrizione non ha senso, ha affermato la relatrice commissionale Ruth Humbel (PPD/AG) sostenendo la possibilità di lasciare tutte le opzioni aperte. Berset ha avvertito che questa apertura potrebbe facilmente portare a un trattamento iniquo se, ad esempio, il catalogo delle prestazioni fosse limitato.

Anche lo schieramento rosso-verde era critico. Anche perché le proposte di Verdi e socialisti di garantire una protezione più rigorosa e di includere l'assistenza, la prevenzione, l'educazione e le cure integrate sono tutte state bocciate.

La partecipazione ai progetti pilota si farà su base volontaria, ha deciso la Camera del popolo con 102 voti contro 93 e contro il parere del Consiglio federale. "Sono molto più efficaci se la partecipazione può essere resa obbligatoria", ha sostenuto, invano, Berset.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.