Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Nazionale per un aumento dell'età di pensionamento

KEYSTONE/ANTHONY ANEX

(sda-ats)

Se l'Assicurazione vecchiaia e superstiti (AVS) dovesse trovarsi in difficoltà finanziarie, l'età pensionabile sarà automaticamente aumentata fino a 67 anni. Lo ha deciso oggi il Consiglio nazionale discutendo il progetto Previdenza per la vecchiaia 2020.

Concretamente, qualora la copertura del Fondo AVS dovesse scendere sotto l'80%, il governo dovrà progressivamente aumentare l'età di riferimento per ottenere la rendita (al massimo 4 mesi supplementari ogni anno), fino a raggiungere 67 anni.

"Bisogna assicurare l'AVS anche alle generazioni future", ha affermato Thomas de Courten (UDC/BL). "Non è sufficiente combattere i sintomi, dobbiamo affrontare le cause", ha aggiunto sostenendo che con l'aumento della speranza di vita è necessario, in determinate circostanze, aumentare l'età pensionabile.

La sinistra e il PPD hanno combattuto questa proposta affermando che, se approvata, rischierebbe di mettere in pericolo tutto l'edificio Previdenza 2020. "Sappiamo tutti che un aumento automatico dell'età pensionabile non ha alcuna chance davanti al popolo", ha ad esempio affermato Marina Carobbio (PS/TI).

Per questo motivo, dopo aver adottato il principio di aumento automatico dell'età della pensione, questo "freno all'indebitamento", come è stato definito in aula, è stato inserito, con 187 voti contro 9, in un disegno di legge separato. Ciò significa che non fa più direttamente parte di Previdenza 2020, o detto, in altre parole, che contro questa decisione può essere lanciato un referendum senza mettere in pericolo tutto il progetto di riforma delle pensioni.

Il Consiglio degli Stati non si è ancora espresso sull'aumento a 67 anni dell'età pensionabile. Visti i rapporti di forza, un suo "sì" appare però difficile.

Per finanziare l'AVS, il Nazionale ha anche deciso di aumentare l'IVA di 0,6 punti percentuali (ciò corrisponde a un incremento delle entrate pari a 2,1 miliardi di franchi). Gli Stati volevano un aumento più importante (1%), ma in ogni caso inferiore all'1,5% chiesto nel progetto del Consiglio federale.

I dibattiti proseguono.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS