Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'aula del Consiglio Nazionale.

Keystone/PETER SCHNEIDER

(sda-ats)

Il Consiglio nazionale non vuole concedere ulteriori 10 milioni al progetto informatico dell'amministrazione federale FISCAL-IT e 700'000 franchi supplementari al Ministero pubblico della Confederazione (MPC).

La Camera del popolo ha mantenuto oggi queste due divergenze con quella dei cantoni nell'ambito del primo supplemento al preventivo 2017. Il dossier ritorna quindi agli Stati.

Il primo credito aggiuntivo deve servire a coprire i costi supplementari causati dal ritardo nel progetto FISCAL-IT. Il Consiglio federale ha reso noto che il programma costerà 10 milioni in più rispetto agli 85,2 milioni previsti inizialmente.

I "senatori" hanno sempre seguito il parere del ministro delle finanze Ueli Maurer, secondo il quale senza tale aggiunta al preventivo il progetto rischia di essere bloccato entro la fine dell'anno e costare ancor più caro.

Dal canto suo, il Nazionale ha sempre respinto il credito aggiuntivo, ritenendo che il Parlamento dovrebbe pronunciarsi ulteriormente su FISCAL-IT. E anche oggi la Camera del popolo, seppur di misura, lo ha bocciato con 91 voti contro 88.

Il Consiglio nazionale ha pure respinto - con 103 voti contro 72 e 4 astenuti - un supplemento di 700'000 franchi per l'MPC volto a migliorare il lavoro in seno alla procura federale, in particolare nella lotta alla corruzione internazionale e al terrorismo.

Rispetto alla Camera dei cantoni, in quella del popolo la maggioranza formata da UDC e PLR ha finora sempre avuto la meglio sulla minoranza costituita dalla sinistra e dal PPD.

Complessivamente, il messaggio prevede una richiesta globale di crediti aggiuntivi per 37 milioni di franchi. Per l'anno in corso questi crediti provocherebbero un aumento dello 0,03% delle uscite autorizzate.

Le due Camere si sono invece già accordate su un supplemento di 215 milioni destinato a coprire il danno che Berna subirà in seguito al ricorso alle fideiussioni per tredici navi (nove cargo e quattro cisterna) della flotta mercantile elvetica, che saranno vendute.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS