Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

CN: Previdenza 2020, è muro contro muro (foto simbolica)

Keystone/AP dapd/JENS SCHLUETER

(sda-ats)

È sempre muro contro muro in Parlamento in merito al progetto Previdenza per la vecchiaia 2020 con l'UDC e il PLR da una parte e il PPD e la sinistra dall'altra.

Il Consiglio nazionale ha finora bocciato praticamente tutte le proposte degli Stati e difese dai popolari democratici e dallo schieramento rosso verde.

La maggioranza ha così nuovamente deciso, con 103 voti contro 92 e 2 astenuti, di compensare nell'ambito del Secondo Pilastro - modificando la proposta in alcuni punti - il previsto abbassamento (dal 6,8% al 6%) del tasso di conversione utilizzato per calcolare le rendite. In particolare si prevede una modifica nelle modalità di contribuzione dei salariati e dei loro datori di lavoro, nonché la soppressione della deduzione di coordinamento.

Il Nazionale, sempre con l'opposizione del PPD e della sinistra, ha anche rilanciato (con 101 voti a 90 e 4 astensioni) la proposta di aumentare automaticamente fino a 67 anni l'età pensionabile in caso di ristrettezze finanziare dell'AVS. Proposta che era stata sonoramente bocciata dal Consiglio degli Stati.

Il dossier torna al Consiglio degli Stati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS