Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le ferrovie disporranno di un importo globale di 9,449 miliardi di franchi per il quadriennio 2013-2016. Dopo gli Stati, anche il Consiglio nazionale ha approvato oggi senza opposizione i tre decreti federali sul finanziamento dell'infrastruttura delle ferrovie svizzere (FFS e ferrovie private).

Nei particolari, le FFS riceveranno dalla Confederazione 6,624 miliardi e le ferrovie private 2,825 miliardi, ha ricordato Viola Amherd (PPD/VS) a nome della commissione. Questi fondi serviranno alla gestione, manutenzione e mantenimento dell'infrastruttura. Doris Leuthard ha precisato che sono previsti alcuni potenziamenti minori della rete, ma l'obiettivo principale rimane il mantenimento.

Tutti i gruppi hanno sostenuto il finanziamento. "Si tratta della quinta convenzione di prestazioni tra Confederazione e le FFS. Questa strategia è sperimentata e funziona bene", ha sottolineato Max Binder (UDC/ZH).

"Oltre 9 miliardi sono una somma ingente, ma la contropartita è evidente, anche per l'economia", ha sostenuto Philipp Hadorn (PS/SO). Di fronte all'aumento della domanda, è importante mantenere un alto livello della qualità, ha aggiunto Luc Barthassat (PPD/GE).

I Verdi hanno tuttavia denunciato il fatto che l'aumento dei mezzi finanziari avvenga in parte grazie all'aumento del prezzo delle tracce. "Tutto ciò è utile per i conti della Confederazione, ma alla fine sono gli utenti e i trasportatori di merci a essere chiamati alla cassa", ha esclamato Franziska Teuscher (BE). "È normale che tutti partecipino all'aumento dei costi, in virtù del principio della causalità", ha replicato Binder.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS