Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La consigliera federale Doris Leuthard

KEYSTONE/PETER KLAUNZER

(sda-ats)

Prima di discutere del sostegno all'energia idroelettrica occorre analizzare a fondo le conseguenze finanziarie per i consumatori.

Lo ha deciso oggi il Consiglio nazionale scorporando questo punto dalla Strategia reti elettriche. Punto che dovrà ora essere studiato a fondo dalla commissione preparatoria.

I commissari avevano proposto che l'elettricità di base fornita ai consumatori provenisse unicamente da centrali svizzere che producono corrente da fonti rinnovabili. Non è però chiaro quanto ciò costerà alle economie domestiche. Le organizzazioni dei consumatori e le associazioni di categoria hanno infatti già espresso dubbi sulla soluzione proposta, ha ricordato in aula la ministra dell'energia Doris Leuthard.

Per questo motivo, con 131 voti contro 58 e 3 astenuti, il Nazionale ha approvato una proposta individuale di Christian Wasserfallen (PLR/BE) che chiede appunto di trattare il sostegno al settore idroelettrico in un progetto distinto. Con 181 voti contro 11, la Camera del popolo ha poi deciso di rinviare questo punto alla commissione preparatoria allo scopo di conoscere l'impatto dei costi sui piccoli consumatori.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS