Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il consigliere nazionale Roberto Schmidt (PPS/VS).

KEYSTONE/LUKAS LEHMANN

(sda-ats)

Tagli meno importanti del previsto per aiuto allo sviluppo, agricoltura, nonché formazione e ricerca. Lo ha deciso oggi il Consiglio nazionale discutendo del programma di stabilizzazione delle finanze federali per il periodo 2017-2019.

L'amministrazione federale dovrà invece effettuare maggiori risparmi.

La commissione preparatoria proponeva di tagliare 100 milioni supplementari nella cooperazione internazionale nel 2018 e nel 2019 rispetto a quanto proposto dal governo e approvato dagli Stati. L'aiuto allo sviluppo sarebbe così privato di 300,5 milioni nel 2018 e di 343,4 milioni l'anno seguente.

Per lo schieramento rosso-verde, sostenuto dal PPD, tale opzione non è opportuna. "Se si vuole rallentare i flussi migratori bisogna intervenire nei Paesi d'origine delle crisi", ha spiegato Roberto Schmidt (PPD/VS) sostenendo che effettuare tagli eccessivi in questo settore sarebbe quindi un errore. La camera, con 94 voti contro 89, ha quindi stabilito che i tagli nella cooperazione internazionale saranno di 143 milioni nel 2017, 200,5 nel 2018 e 243,4 nel 2019.

Con 104 voti contro 80 e contrariamente al Consiglio degli Stati, la Camera del popolo ha poi approvato i tagli nei programmi d'integrazione dei migranti, come proponeva il Consiglio federale.

Con 95 voti contro 89, il Nazionale ha invece respinto i risparmi di 2 milioni annui nell'ambito dell'offerta editoriale della SSR destinata all'estero (ad esempio Swissinfo e tvsvizzera.it). "Sono dei prodotti importanti che veicolano le nostre specificità verso l'estero e danno informazioni sul nostro sistema politico e democratico", ha sostenuto, con successo, Marina Carobbio Guscetti (PS/TI).

Con 127 voti contro 59 e 4 astenuti, la Camera del popolo ha pure deciso, come in precedenza gli Stati, di rinunciare a tutti i tagli nei pagamenti diretti (60-69 milioni) e di annullare (127 a 61 e 2 astenuti) anche quelli riguardanti la promozione della qualità e delle vendite (2,5-5 milioni).

La riduzione dei pagamenti diretti colpirebbe direttamente il portafoglio delle famiglie contadine, ha sostenuto Jean-Paul Gschwind (PPD/JU). "Il Parlamento - ha aggiunto - ha preso degli impegni nella pianificazione pluriennale dei crediti agricoli e deve rispettarli", ha aggiunto convincendo i colleghi.

Confermati invece i risparmi nei crediti d'investimento in favore dell'agricoltura (tra 7 e 12 milioni annui) e quelli destinati ai miglioramenti strutturali (tra 3 e 11 milioni annui). Il settore primario contribuirà così al programma di stabilizzazione con 10 milioni di franchi nel 2017, 22 nel 2018 e 23 nel 2019.

Anche i risparmi del settore della formazione e della ricerca sono stati ridotti. Il Consiglio federale proponeva tagli annui da 142 a 174 milioni di franchi. Nazionale (120 voti contro 67) e Stati hanno però deciso di limitarli a una forbice compresa tra 61 e 69 milioni all'anno.

L'amministrazione federale dovrà invece stringere maggiormente la cinghia: con 106 voti contro 81, il Nazionale ha infatti deciso di tagliare 100 milioni in più nel 2018 e nel 2019. Complessivamente le spese in questo settore dovranno quindi diminuire di 243 milioni nel 2018 e di 250 milioni nel 2019 (che si aggiungono ai 135 milioni del 2017). Oltre al personale saranno toccati i beni e servizi nonché gli oneri d'esercizio e gli investimenti.

Come il Consiglio degli Stati, il Nazionale si è invece opposto alla soppressione prevista di posti doganali (tagli di circa 5,5 milioni all'anno).

Da segnalare, infine, la decisione, presa con 150 voti contro 37 e 4 astenuti, di non abrogare la Legge federale concernente l'attività di guida alpina e l'offerta di altre attività a rischio.

Ad inizio seduta, il Nazionale, dopo aver approvato l'entrata in materia, aveva bocciato una proposta di rinvio al Consiglio federale presentata dallo schieramento rosso-verde. Per la sinistra il meccanismo del freno all'indebitamento andrebbe adeguato alla situazione economico-monetaria in modo da avere maggior spazio di manovra.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS